UIE Meeting

giovedì 27 novembre ore 21,00 - Osteria Retrogusto

Home Guide e tutorial Rete e Condivisione Condivisione in rete dello scanner con Linux

Dom

25

Gen

2009

Condivisione in rete dello scanner con Linux PDF Stampa
Rete e Condivisione
Scritto da Mirco   

Questa guida illustra come configurare SANE e il suo demone di rete, SANEd, per condividere gli scanner collegati ad una macchina con tutte le altre postazioni della rete locale. La prima parte parla della configurazione del server vero e proprio mentre la seconda spiega come configurare client Linux, Windows e Mac OS X.

Prerequisiti

D'ora in avanti si suppone che SANE e lo scanner siano installati e configurati correttamente sul sistema server. Per avere una conferma aprite una console e lanciate il comando scanimage -L e otterrete una lista di tutti gli scanner collegati al computer.

utente@server:~$ scanimage -L
device `snapscan:libusb:001:005' is a Acer FlatbedScanner25 flatbed scanner

Come prova finale potete lanciare una scansione con

scanimage --format=tiff > Scansione.tiff

Controllate che all'interno dell'immagine non ci siano imperfezioni e procedete.

Configurazione del server

Permessi

Per sicurezza il server SANEd viene sempre lanciato tramite un utente dai permessi limitati di nome saned quindi per prima cosa è importante assicurarsi che questo sia autorizzato ad accedere agli scanner. Aprite una nuova console e per diventare l'utente saned digitate il comando

su -s /bin/sh - saned

Ora che avete gli stessi permessi del demone digitate il comando groups per ottenere una lista dei gruppi a cui appartiene l'utente. L'output sarà simile a questo.

saned@server:/$ groups
saned

Tutti gli utenti che vogliono poter accedere agli scanner devono appartenere al gruppo speciale scanner ma come è possibile vedere qui sopra saned in questo momento appartiene al solo gruppo saned. Digitate quindi il comando sudo adduser saned scanner per aggiungere il nuovo gruppo. Se provate a dare immediatamente il comando groups per controllare se scanner è stato aggiunto questo non comparirà immediatamente nella lista. Perché il sistema si accorda del nuovo gruppo dovrete fare un logout dall'utente saned e poi rientrare.

Configurazione inetd

Il prossimo passo è configurare inetd perché il demone saned sia lanciato ogni volta che viene intercettata una richiesta dalla rete. Prima di toccare i file di configurazione di inetd è bene controllare se il sistema conosce già il numero di porta su cui sane invia le richieste. Aprite quindi il file /etc/services e controllate che la seguente riga sia presente al suo interno e se non la trovate aggiungetela alla fine del file.

sane-port    6566/tcp    sane saned    # SANE network scanner daemon

Anche la modifica del file di configurazione di inetd è piuttosto banale. Non dovrete far altro che aprire il file /etc/inetd.conf con un editor di testi, aggiungere la seguente riga infondo al file e salvare.

sane-port    stream     tcp    nowait    saned.saned    /usr/sbin/saned saned

Alcune distribuzioni non usano inetd ma una versione chiamata xinetd che ha un file di configurazione con una struttura diversa configurarlo è comunque molto semplice. Aprite il file /etc/xinetd.conf e aggiungete le seguenti righe in fondo al file.

service sane-port
{
    socket_type = stream
    server = /usr/sbin/saned
    protocol = tcp
    user = saned
    group = saned
    wait = no
    disable = no
}

Entrambi i server vanno riavviati perché le modifiche vengano caricate. Su sistemi basati su Debian come Ubuntu il comando giusto da dare è

sudo /etc/init.d/openbsd-inetd restart

Configurazione di SANEd

Di default il demone rifiuta tutte le connessioni a meno che gli IP da cui provengono non siano all'interno della lista presente nel suo file di configurazione. Dovete quindi aprire il file /etc/sane.d/saned.conf e aggiungere i singoli IP, uno per riga, infondo al file. Se avete molte postazioni da gestire potete risparmiare tempo aggiungendo un intera sottorete usando la notazione CIDR. Ad esempio per aggiungere tutti gli IP compresi tra 192.168.0.1 e 192.168.0.254 si può scrivere questo

192.168.0.0/24

Controllo finale

A questo punto il server è configurato e pronto a ricevere connessioni. Per eseguire una ultima prova usate il comando telnet ip.de.server.saned 6566 da una qualsiasi delle macchine della rete e avere la conferma della avvenuta connessione se ottenete un output simile:

utente@client:~$ telnet 192.168.0.4 6566
Trying 192.168.0.4...
Connected to 192.168.0.4.
Escape character is '^]'

Configurazione dei client

Linux

Configurare lo scanner di rete su sistemi Linux è molto semplice. Prima di tutto dovete installare SANE sulla macchina tramite il gestore di pacchetti della vostra distribuzione. Su Debian e derivate basta cercare il pacchetto sane con Synaptic o Aptitude. Una volta installato dovete aprire con un editor di testo il file /etc/sane.d/net.conf e aggiungere l'IP della macchina server a cui è collegato fisicamente lo scanner. Una volta salvato potete dare il comando scanimage -L e controllare se lo scanner remoto viene rilevato come nel seguente esempio.

utente@client:~$ scanimage -L
device `net:192.168.0.4:snapscan:libusb:001:005' is a Acer FlatbedScanner25 flatbed scanner

Per gestire più comodamente lo scanner è utile installare su tutte le macchine client dei programmi con interfaccia grafica come xsane che hanno la possibilità di integrarsi anche con GIMP.

Mac OS X

Anche su sistemi Apple è possibile installare SANE quindi configurare lo scanner è molto semplice ma non avendo un gestore di pacchetti simile a quello di Debian il processo è un po' macchinoso. I quattro binari da scaricare per OS X li potete trovare sul sito http://www.ellert.se/twain-sane/. Una volta completato il download installateli nel seguente ordine:

  1. libusb
  2. SANE backends
  3. TWAIN SANE Interface
  4. SANE Preference Pane

Su alcuni vecchi sistemi è necessario scaricare anche gettext ed installarlo prima di libusb ma su Leopard e Tiger questo non è necessario.

Per configurare aprite Preferenze di Sistema, in Accessori cliccate sul pulsante SANE. Vi si presenterà davanti una lista di driver abilitati. Quello che vi interessa è quello chiamato net. Cliccate sul primo bottone a destra, quello nella colonna Configure. Si aprirà una finestra al cui interno è riportato il contenuto del file net.conf. Qui, come su Linux, aggiungete in fondo al file l'indirizzo IP del server e cliccate su OK. Per sicurezza vi verrà chiesta la vostra password. Inseritela e continuate.

Il modo più veloce di provare lo scanner è aprire il programma Acquisizione Immagine e lanciare una scansione. Appena avviato il programma vi accoglierà con una schermata in cui vi dice che non c'è alcun dispositivo connesso al computer locale. Ignoratela e cliccate il menu Dispositivi e poi su Ricerca dispositivi. Ora si aprirà una finestra in cui vedrete una lista di dispositivi di acquisizione disponibili. Quello che vi interessa è chiamato SANE sotto Sorgenti di dati TWAIN. Cliccate quindi sul pulsante Utilizza TWAIN UI per aprire la finestra di scansione vera e propria.

Essendo integrato col sistema da questo momento in avanti potrete usare lo scanner anche da altri programmi.

Windows

Su client Windows la prima cosa da fare è installare il programma SaneTWAIN che trovate su http://sanetwain.ozuzo.net/. Potete scaricare il file compresso e seguire le istruzioni presenti sul sito. Io però preferisco scaricare il programma di installazione e lasciare fare tutto a lui. Quando avviato per la prima volta il programma vi chiede l'indirizzo IP del server, inseritelo e cliccate su OK. La finestra di scansione è molto semplice da usare, controllate che nella lista dei dispositivi appaia il vostro scanner di rete e poi cominciate una scansione di anteprima per testare la connessione.

Anche su windows viene installata una interfaccia TWAIN nel sistema quindi è possibile usare lo scanner dalla maggior parte dei programmi di grafica.


           

Vedi anche

di Sergio Gridelli

Ciò in forza della convinzione che qualsiasi cosa, prima di tutto, ha bisogno di essere conosciuta e condivisa. L'esigua diffusione di Li ...

di Davide Pedrelli

Da un lato, la necessità delle istituzioni scolastiche di razionalizzare le risorse e di perseguire l'obbligo etico-morale di insegnare p ...

di Sergio Gridelli

L'unico modo per uscire dalla crisi, ci dicono gli economisti, è crescere e consumare. La stessa “ricetta” da quando la rivol ...

Commenti (4)add comment

michelinux said:

...
grazie, ottima guida smilies/smiley.gif
21 luglio 2010

gen fry said:

...
su -s /bin/sh - saned
Mi chiede la password .
Cosa ci metto????
04 aprile 2011

zorrito said:

...
ora questo ottimo howto è diventato obsoleto.
Per le nuove versioni di ubuntu consiglio di fare riferimento a questa guida:

https://help.ubuntu.com/community/ScanningHowTo#Server-side setup

saluti a tutta la Romagna
30 aprile 2011

zorrito said:

...
@gen fry

sudo adduser saned lp
sudo -s
su -s /bin/bash saned
scanimage -L

così non dovrebbe chiederti la passwd
30 aprile 2011

Lascia la tua opinione
Accorcia box | Allunga box
I filtri ti rompono? Iscriviti


busy
 

Commenti

Utenti On-Line

 59 visitatori online
Utenti : 135
Contenuti : 79
Link web : 58
Tot. visite contenuti : 226980

UIELinux, oltre il Rubicone (anche oltre i soliti luoghi comuni)
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL
UIElinux All UIELinux Blog UIELinux Guide UIELinux Progetti